Caricamento
Ebri.it



Farmacologia della disfunzione sinaptica

Attività scientifica

Il laboratorio di Farmacologia della disfunzione sinaptica si pone l’obiettivo di comprendere le basi molecolari della plasticità sinaptica normale e patologica. Attualmente portiamo avanti i seguenti progetti:

Dalle funzioni celebrali alle molecole

 

1. Nuove strategie di delivery delle neurotrofine nella malattia di Alzheimer Nonostante i vantaggi che presentano i fattori neurotrofici per il trattamento delle malattie neurodegenerative, la somministrazione sistematica limita la diffusione attraverso la barriera ematoencefalica.

Ci proponiamo di:

i) somministrare una combinazione di fattori neurotrofici mediante l’utilizzo di scaffolds iniettabili;

ii) valutare l’efficienza di questo approccio terapeutico per ridurre Aß, iperfosforilazione tau, sinaptofisina

iii) valutare se questo approccio promuove la plasticità sinaptica e ripristina il deterioramento cognitivo in modelli di AD.

 

2. Ruolo degli acid-sensing ion channel 1 nella plasticità sinaptica patologica Recentemente abbiamo indagato i meccanismi sottesi alla plasticità sinaptica nei topi con encefalomielite sperimentale autoimmune (EAE). Nella fase acuta della malattia, l’aumentato segnale della IL-1ß produce compromissione della trasmissione GABAergica e aberrante plasticità sinaptica. Poichè IL-1ß modula l’espressione degli ASIC, l’alterazione dei canali ASIC potrebbe contribuire ai cambiamenti della funzionalità sinaptica. Vogliamo studiare l’effetto della manipolazione farmacologica degli ASIC1 sulla plasticità e trasmissione sinaptica ippocampale e sulla memoria dei topi EAE.